Incontri

Incontro Gruppo Famiglia del 1 Giugno 2019

Gruppo famiglia - Sabato 1 Giugno 2019 LA GIOIA DELL'AMORE - 6 Vangelo di Giovanni 17, 11 - 17 (Disse Gesù) lo non sono più nel mondo; essi invece sono nel mondo, e io vengo a te. Padre santo, custodisci nel tuo nome coloro che mi hai dato, perché siano una cosa sola,...

Incontro Gruppo Famiglia del 19 Gennaio 2019

GRUPPO FAMIGLIA – 2018/19 19 GENNAIO 2019  LA GIOIA DELL’AMORE – 3  La fatica delle tue mani 23. All’inizio del Salmo 128, si presenta il padre come un lavoratore, che con l’opera delle sue mani può sostenere il benessere fisico e la serenità della sua famiglia:...

Gruppo Famiglia

Il 2014 – 15 è stato un anno di verifica del nostro modo, come chiesa, di annunciare e testimoniare il Vangelo del Signore, in particolare in tre aree di vitale importanza: la famiglia, il mondo giovanile e l’Oratorio, l’Iniziazione cristiana.

Il Vescovo ha avviato questa verifica a livello zonale, incontrando Sacerdoti e Laici, impegnati nella Pastorale della famiglia.

La famiglia prima di tutto

Domenica 16 novembre, presso il Centro Pastorale di Soresina,si è tenuto l’incontro di verifica tra il Vescovo e gli operatori della pastorale familiare. Al centro parrocchiale di Soresina si sono ritrovati sacerdoti e laici delle zone pastorali terza, quarta e quinta.

L’incontro, aperto da un breve momento di preghiera, è stato introdotto dal responsabile dell’Ufficio diocesano per la pastorale familiare, don Giuseppe Nevi, che ha anzitutto sottolineato l’opportunità di confronto tra le varie esperienze pastorali in atto nelle Parrocchie e di verifica secondo quanto proposto dal Vescovo.

Si tratta di rimettere al centro la famiglia, considerandola ancora il cardine della società e di tutelarla nella sua integrità, secondo tre gradi di riflessione: ridando prima di tutto senso all’amore umano, nella consapevolezza che il matrimonio nasce dall’incontro con una persona unica e irripetibile con cui si coglie insieme uno stesso bene e con cui si decide di iniziare un percorso per realizzarlo nella nostra vita, nella nostra famiglia.

Il secondo grado riguarda il fondamento dell’amore umano su Cristo: è importante “rievangelizzare l’amore umano”, interrogandosi su che cosa significhi amare e riscontrando come nelle dinamiche della vita quotidiana si entri nell’amore di Cristo che ha salvato il mondo. Per questo – e siamo al terzo grado – riscoprire la pastorale famigliare significa ripartire da un’esperienza di profonda comunione, la comunione che si vive nelle famiglie e nelle comunità ecclesiali, non sempre perfetta ma sempre bisognosa di rinnovarsi.

Il matrimonio, come pure il sacerdozio, sono Sacramenti che iniziano alla missione di annunciare la salvezza, il regno di Dio. Ci si sposa per costruire il Regno di Dio, per essere segno dell’amore di Dio, non solo per vivere l’amore di coppia.

E’ stato poi sottolineato come sia necessario ripensare alla vita di ogni comunità cristiana ripartendo proprio dal concetto di comunione e missione tra gli sposi e degli sposi.

Sperimentando, in senso cristiano, l’essere coppia si condivide la vita della comunità, e, da credenti ha senso chiedere i sacramenti per i propri figli, iniziando dal Battesimo e attraverso i percorsi della Iniziazione cristiana, arrivare a condividere un cammino di riscoperta della fede con le altre famiglie e con l’intera comunità.

E’ stato poi tracciato un quadro della situazione della pastorale familiare nelle tre zone; si è parlato di gruppi famiglia, dei percorsi di iniziazione cristiana e dei percorsi di preparazione al matrimonio. Di quest’ultima esperienza è stata sottolineata la trasformazione in atto anche per la presenza di coppie conviventi e la netta diminuzione del numero di giovani che intendono sposarsi. Si detto che è importante dare continuità a questa esperienza facendo si che le coppie che hanno fatto il percorso trovino comunità parrocchiali attente ed accoglienti. Il Vescovo ha insistito sulla dimensione naturale dell’amore e sulla ricchezza teologica dell’unione cristiana.

È seguito un breve dibattito dove si è parlato del fenomeno crescente della convivenza, e della necessità di diffondere una cultura critica rispetto alla convivenza che deve basarsi sulla fiducia. Quello che caratterizza la comunione della coppia, ha detto il Vescovo è la fiducia, che deve esistere indipendentemente dal tempo, dalla paura del “per sempre“ e che deve essere il segno caratteristico dell’unione tra l’uomo e la donna , così come lo è nell’alleanza tra Dio e l’uomo.

Il gruppo famiglia in Parrocchia

Sono circa una quindicina le coppie che mensilmente, in Oratorio, si ritrovano per confrontarsi sulle tematiche legate all’esperienza familiare.

Di solito, dopo un momento di preghiera, si legge un brano biblico – quest’anno la traccia sarà il libro degli Atti degli Apostoli – e, sollecitati da alcune domande, si ragiona e ci si confronta sulle caratteristiche fondanti l’esperienza del Sacramento del Matrimonio, sul senso di appartenenza, come famiglia, alla comunità cristiana, sul grande impegno dell’educazione dei figli.

La serata si conclude sempre con la cena condivisa.

Ogni anno viene fatta qualche proposta che integra il percorso ordinario: un fine settimana durante la quale, con un po’ più di tempo, si vive qualche momento di spiritualità insieme qualche esperienza di trekking e di svago per bambini e genitori.

La proposta è senz’altro rivolta a tutte le famiglie per condividere un cammino che arricchisce, la famiglia stressa e tutta la comunità.

Post

Comunità Cristiane e Famiglie insieme in Cammino

Sabato 3 Novembre ore 18 in oratorio a Castelverde … per crescere e confrontarsi … per condividere fede e vita … per costruire amicizie e fraternità Per la cena poi ci fermiamo tutti insieme in oratorio, condividendo quello che ognuno avrà portato. Porta pure i tuoi...

Calendario appuntamenti Gruppo Famiglia

Calendario appuntamenti Gruppo Famiglia  2017-2018 28 Ottobre 2017 2 Dicembre 2017 13 Gennaio 2018 17 Febbraio 2018 17 Marzo 2018 21 Aprile 2018 26 Maggio 2018   Tutti gli incontri si terranno dalle ore 18 in oratorio, a seguire cena condivisa